Euro e altre valute per viaggiare all’estero, occorre procurarsi la valuta della nazione in cui andiamo.

Euro e altre valute: cambiare l’euro in dollaro (Usa ).

Vai a uno sportello di banca per cambiare 100 € in $ quanti $ ricevete? ( danno a te) . Uno studente americano vuole cambiare 100 $ in € quanti € riceverà? (gli daranno) .Calcolo del rapporto e del rapporto inverso

1 € : 1 $ è circa 1,36 : 1 = 1,36 il coefficiente di cambio vale 1,36

1 $ : 1 € è circa 1 : 1,36 circa 0,73 il coefficiente di cambio vale 0,73

Coefficiente ( significa un numero che produce insieme, cioè un numero costante, cioè che non cambia, per cui si deve moltiplicare o dividere una grandezza, in questo caso il valore del rapporto ) di cambio del giorno, approssimato ai centesimi.

Euro e altre valute: il denaro usato in alcuni paesi.

 

euro e altre valute

 

 

Come mai nel cambio da $ a € otterremo ( ci daranno ) un importo ( una somma di soldi ) minore di quello di partenza e nel cambio inverso un valore maggiore?

Nel primo caso il coefficiente moltiplicativo è minore di 1 mentre nel secondo è maggiore di 1.
Nota: quando si divide un numero per un numero maggiore il quoziente ( il risultato della divisione) viene zero virgola qualche cosa minore di uno.
Es: 1 : 2 = 0,5 2:5=0,4

A partire dal coefficiente di cambio unitario tra una prima valuta ( è il denaro, i soldi usati in una nazione ) e una seconda, conviene calcolare i multipli 10, 100, 1000 e quindi il valore delle banconote e delle monete esistenti della seconda valuta.

euro e altre valute

 

Cambio valuta on line

Nelle combo-box ( i rettangoli) Valuta clicca sul triangolino a destra nel menu a tendina seleziona, cioè clicca sopra, la valuta di partenza, disponibile, e la valuta di arrivo, desiderata; poi digita scrivi quanti soldi vuoi cambiare nel rettangolo importo e automaticamente saprai l’importo corrispondente nella valuta desiderata.

euro e altre valute

 

Il cambio effettivo ( che è di fatto, cioè nel mondo reale )

 

Quando andiamo in banca o in agenzia per cambiare denaro, non riceviamo mai somme esattamente corrispondenti alle valutazioni del mercato valutario. Chi offre il servizio se lo fa pagare, esigendo ( esigere, volere con forza ) una commissione secondo propri criteri ( un qualcosa stabilito da seguire ) . Chi cambia valuta, infatti fissa due quotazioni ( una quota è quanto si deve pagare ) diverse, una per l’acquisto ( acquistare cioè comprare ) e una per la vendita, espresse nella moneta locale.
Questi valori saranno di poco più bassi  per gli acquisti e leggermente  più alti  per le vendite rispetto alle effettive quotazioni di mercato.
Supponendo ( fare una ipotesi, se pensiamo che sia vero) di effettuare diversi cambi di moneta a partire da una certa somma, ad ogni cambio dunque si perde qualcosa in commissione.

Il potere di acquisto

L’altra riflessione ( pensare molto a lungo ) che non deve mancare quando si parla di cambio monetario è il confronto di valore fra le due monete.
In cambio di 1$ non si ottiene un euro, ma un po’ meno e quindi le due monete non hanno lo stesso valore.
Chi vale di più, l’euro o il dollaro ? ” Dovrebbe essere evidente che l’ euro vale di più; se una cosa costa 1 dollaro, è come se la pagassimo 1 euro e 36 centesimi.
Il cambio dell’euro è dunque vantaggioso rispetto al cambio del dollaro, perché volendo esprimere un valore in dollari avremo bisogno di meno dollari che se volessimo esprimere lo stesso valore in euro.
Bisogna osservare che il dire che “l’ euro vale di più” non è detto che è più forte del dollaro: il valore di una moneta è collegato al suo potere d’acquisto, cioè ai beni che posso comprare.

Segue la proporzione