Le operazioni con numeri decimali possono portarci ad un risultato che siamo costretti nel mondo reale ad approssimare, nei calcoli quotidiani ci bastano due cifre decimali.

OPERAZIONI CON NUMERI DECIMALI

Operazioni con numeri decimali

ADDIZIONI IN RIGA ( NUMERI SCRITTI UNO APPRESSO ALL’ALTRO ) DA METTERE IN COLONNA ( UNO SOTTO L’ALTRO ):

ESEMPIO: IN RIGA 2,3 + 7, 35 + 0, 03 = DA METTERE IN COLONNA

 

OperazionI con numeri decimali

 

 

REGOLA ( come si deve fare ) è questa:

 

I NUMERI SI METTONO IN COLONNA IN MODO CHE LE VIRGOLE SONO UNA SOTTO L’ALTRA, IN MANIERA AUTOMATICA SI INCOLONNANO LE ALTRE CIFRE. SE RESTA QUALCHE POSTO VUOTO SI PUÒ METTERE UNO ZERO. SI SOMMANO LE CIFRE DI OGNI COLONNA. SE SI OTTIENE UN NUMERO A DUE CIFRE LA CIFRA DELLE DECINE SI RIPORTA IN MEMORIA, E SI AGGIUNGE ALLA SOMMA DELLA COLONNA SUCCESSIVA. QUANDO SI INCONTRA LA VIRGOLA SI DEVE SCRIVERE IN COLONNA NEL RISULTATO.

MODI DI DIRE CHE SI USANO IN ITALIANO.

7, 58 + 25, 26 + 135, 19 =

OperazionI con numeri decimali

 

 

8+6+9=23 SCRIVO 3 E RIPORTO DI 2, 5+2+1=8, + 2 CHE NE RIPORTAVO 10, SCRIVO 0 E RIPORTO DI 1, 7+5+5=17, + 1 CHE NE RIPORTAVO 18; SCRIVO 8 E RIPORTO DI 1; 2+3=5; + 1 CHE NE RIPORTAVO 6; 1 + NIENTE = 1

OperazionI con numeri decimali

 

 

 

OperazionI con numeri decimali

 

 

Operazioni con numeri decimali

 

 

 

Operazioni con numeri decimali

 

 

 

SE APPLICHIAMO IL PROCEDIMENTO USUALE PER CALCOLARE IL QUOZIENTE DELLA DIVISIONE A:B

6 : 2 = 3

7 : 20 = 0,35

8 : 3 = 2,666…

25 : 22 = 1,13636…

 

NEL PRIMO CASO IL QUOZIENTE È INTERO (IL RESTO È NULLO):IL RISULTATO SI CHIAMA QUOTO ED È A UN NUMERO NATURALE. NEL SECONDO CASO, IL QUOZIENTE NON È INTERO MA, PROSEGUENDO NEL CALCOLO DELLE CIFRE DECIMALI, SI TROVA UN RESTO UGUALE A 0.

NEGLI ULTIMI DUE CASI, NON SI TROVA MAI RESTO 0, PER CUI IL PROCEDIMENTO DELLA DIVISIONE CONTINUA SENZA FINE.

I NUMERI COME 0,35, CON UN NUMERO FINITO DI CIFRE DOPO LA VIRGOLA, VENGONO DETTI NUMERI DECIMALI LIMITATI. NELL’USO CORRENTE SI PARLA SPESSO DI NUMERI DECIMALI FINITI, MA È PREFERIBILE IL TERMINE DECIMALI LIMITATI (TUTTI I NUMERI SONO “FINITI”).

I NUMERI COME 2,666… E 1,13636…, CON INFINITE CIFRE DOPO LA VIRGOLA, VENGONO DETTI NUMERI DECIMALI ILLIMITATI, O, PIÙ PRECISAMENTE, NUMERI DECIMALI ILLIMITATI PERIODICI.

SI USA L’AGGETTIVO PERIODICO PER INDICARE CHE LE CIFRE SI RIPETONO INDEFINITAMENTE: NEL CASO DI 2,666… CI SONO INFINITE CIFRE DOPO LA VIRGOLA, TUTTE UGUALI A 6, MENTRE IN 1,13636… DOPO LA VIRGOLA COMPARE UN 1 E POI, ALTERNATIVAMENTE, LE CIFRE 3 E 6.

ESERCIZI CON NUMERI DECIMALI