Risolvere una espressione numerica in primo luogo aiuta a sviluppare ordine e concentrazione, inoltre da soddisfazione quando si trova il risultato giusto, infine ci insegna la pazienza per ritrovare l’errore commesso quando il risultato non torna.

Risolvere una espressione con numeri naturali: definizione e regole

UN’ESPRESSIONE ARITMETICA È UNA SUCCESSIONE DI OPERAZIONI DA ESEGUIRE SU PIÙ NUMERI. NELLE ESPRESSIONI È MOLTO IMPORTANTE L’ORDINE CON CUI VENGONO ESEGUITE LE OPERAZIONI. IN UN’ESPRESSIONE ARITMETICA PRIMA SI ESEGUONO LE POTENZE, POI MOLTIPLICAZIONI E DIVISIONI, INFINE ADDIZIONI E SOTTRAZIONI.

ESPRESSIONI CON PARENTESI: LE OPERAZIONI SONO CONTENUTE DENTRO LE PARENTESI.  FATE ATTENZIONE: SE C’E’ UNA PARENTESI APERTA CI DEVE ESSERE ANCHE  LA PARENTESI CHIUSA.

LE PARENTESI POSSONO ESSERE TONDE, QUADRE, E GRAFFE.

risolvere una espressione

L’ORDINE CON CUI SI FANNO I CALCOLI E’ IL SEGUENTE:

  • PRIMA LE OPERAZIONI DENTRO LE PARENTESI TONDE SEGUENDO L’ORDINE DELLE OPERAZIONI SCRITTO SOPRA SULLE ESPRESSIONI SENZA PARENTESI)
  • POI LE OPERAZIONI DENTRO LE QUADRE
  • INFINE LE OPERAZIONI DENTRO LE GRAFFE.
  • LE PARENTESI VANNO TOLTE ( si dice sciogliere una parentesi) SOLAMENTE QUANDO LE OPERAZIONI AL LORO INTERNO SONO STATE ESEGUITE E SARÀ RIMASTO UN SOLO NUMERO.
    NOTA BENE: PER OGNI PARENTESI APERTA DEVE ESSERCI LA CORRISPONDENTE PARENTESI CHIUSA.
risolvere una espressione
ESERCIZI ESPRESSIONI CON NUMERI NATURALI.

INNANZITUTTO  LEGGIAMO CON ATTENZIONE TUTTA L’ESPRESSIONE E  DECIDIAMO QUALE OPERAZIONI SI POSSONO FARE DENTRO LE TONDE.

FACCIAMO IL PRIMO PASSAGGIO: SI RISCRIVE TUTTA L’ESPRESSIONE METTENDO I RISULTATI AL POSTO DELLE OPERAZIONI ESEGUITE E ALLA FINE DELL’ESPRESSIONE IL SEGNO UGUALE.

PROCEDIAMO CON IL SECONDO PASSAGGIO E CON QUELLI SUCCESSIVI  FINO A CHE RESTA IL RISULTATO DELLA ESPRESSIONE.

QUANDO IN UNA PARENTESI TONDA RIMANE UN SOLO NUMERO SI SCIOGLIE ( NON SI SCRIVE PIU’ ). LO STESSO PROCEDIMENTO SI SEGUE PER LE PARENTESI QUADRE E GRAFFE.

DOPO AVER ACQUISITO ESPERIENZA SI CAPISCE QUANDO SI PUO’ OPERARE ANCHE IN PARENTESI DIVERSE IN UNO STESSO PASSAGGIO.

24 : 8 + 3 * 2 + 14 : 7 – 32 : 8 – 1 =                                17+ [13 + (2 + 8) + (21 – 9)] =            [12 + 3 – 11 – 3 + (18 + 7 – 5 + 3 – 9) : 7] + 10 – 2 – 8 =

 [(12 : 4 + 9 : 1 + 15 : 5) · 2 – (1 + 1 + 8 + 16 + 1)] : 3 =                       51 : {12 + 3 · [2 · 18 – 9 · (24 ¸ 6 – 2) ¸ 6] – 60} + 7 =

 95 : { 13 + 4 x [3 x 18 – 8 x (28 : 4 – 3) : 2] – 70 } + 1=                       {(8 + 3) x 3 x 6 : 18 + [17 – 5 + 24 : 2 – (6 x 5 – 120 : 4) : 6] x 3 }+ 2 =

Nell’insieme dei numeri interi ( Z ) e dei numeri razionali ( Q ), le espressioni si risolvono con lo stesso procedimento tenendo conto delle regole dei segni