La notazione scientifica consiste nel trasformare un numero come il prodotto di un numero minore di dieci per una potenza decimale.

LA NOTAZIONE SCIENTIFICA
notazione scientifica
LA NOTAZIONE SCIENTIFICA: ESEMPI NUMERICI

345678 = 3,45678 x 10≅ 3,5 x 105

0,0000678 = 6,78 x 10 -5

10-5= 0,00001

Il numero deve essere scritto mettendo la virgola dopo la prima cifra che deve essere diversa da zero e moltiplicarlo per le relativa potenza di 10, positiva o negativa.

Serve per facilitare i calcoli e diminuire le cifre da scrivere

MICROCOSMO E  MACROCOSMO
LA NOTAZIONE SCIENTIFICA. MISURE AL TELESCOPIO.

Telefono: tele, cioè lontano, fono, suono.

Telescopio: scopio, cioè osservare lontano.

Microscopio: micro, cioè piccolo, osservare il piccolo

L’unità astronomica (simbolo ufficiale: au) è il valore medio della distanza tra Terra-Sole.

1 au ≅ 1.500.000.000 m ≅ 1.500.000 km ≅ 1,5 x 106 km

Per le sue dimensioni l’unità astronomica viene utilizzata soprattutto per misurare distanze all’interno del sistema solare; per misure superiori, intra o extra-galattiche, gli astronomi preferiscono utilizzare l’anno luce o il parsec, che corrisponde a circa 3,26 anni luce. Un anno luce corrisponde a 9 460 730 472 581 km, cioè ≅ 9, 461 x 1012 km

Nel 1608 l’olandese Hans Lippershey costruì il primo modello di telescopio rifrattore, strumento che l’anno successivo fu perfezionato da Galileo. 

LA NOTAZIONE SCIENTIFICA. MISURE AL MICROSCOPIO.

Il micron, indicato con il simbolo μ, è la milionesima parte del metro.

1 μm = 10-6 m = 0,000001 m

LA NOTAZIONE SCIENTIFICA
LA NOTAZIONE SCIENTIFICA

I primi strumenti utilizzabili, nell’ambito dei microscopi di tipo ottico, vennero prodotti nei Paesi Bassi alla fine del XVI secolo, ma l’invenzione vera e propria è tuttora controversa.  Galileo inviò un microscopio di sua costruzione al principe Federico Cesi, per mostrargliene il funzionamento. Galileo definiva lo strumento un “occhialino per vedere le cose minime”.