Musica in Camerun oggi si canta in francese e i generi musicali avvicinano i popoli, altra è la musica tradizionale.

Il Camerun conta oltre 200 diverse etnie e gruppi linguistici. È noto inoltre per i suoi stili musicali nativi. Le lingue ufficiali sono il francese (maggioritario) e l’inglese.

La musica ha un ruolo fondamentale nella vita del popolo camerunese. La musica africana è caratterizzata da un forte ritmo. La musica del Camerun si distingue con molti gruppi etnici, conta diversi ritmi tra i quali: il makossa, il bikutsi e l’aṣíkò. Jean-Aladin Bikoko è un famoso compositore di asiko ed Ebanda Manfred è uno dei fondatori del moderno makossa. Negli anni settanta Manu Dibango incide un album dal titolo Soul Makossa. Negli anni ottanta Toto Guillame e Aladij Toure, soprannominati i “Giovani Leoni” della musica camerunese e i cantautori Moni Bile e Sam Fan Thomas diffondono una personale visione del makossa. Negli anni novanta si distingue Toups Bebey, crea un proprio stile unendo ritmi africani, pop music, jazz e techno groove. Fonte wikipedia

MUSICA IN CAMERUN ambientata a Roma

Kevin Siewe Benoit in Camerun correva i 200 metri, mentre frequentava nel 2017/18 il Cpia 3. A Roma  continuava ad allenarsi, attraversava il Ponte della Musica che porta ai campi del Foro Italico.  Mi Raccontava ” L’allenamento di un atleta in Camerun è diverso ci riscaldiamo e ci concentriamo e infine corriamo i 200 metri una sola volta, qui in Italia invece l’allenamento è diverso dopo il riscaldamento iniziamo subito a correre i 200 metri, ci riposiamo e corriamo ancora i 200 metri.Oggi vive a Roma con la madre e il fratello. Non corre più, così continua a coltivare un’altra sua passione: la musica. 

Kevin e i suoi amici volano lontano in un videoclip ambientato a Roma, storicamente crogiolo di mille culture, soprattutto oggi che i parvenues”  credono di dominarla.

 musica camerun